Asp Reggio Calabria: deferiti per truffa e falso 49 dipendenti

Si è conclusa l’operazione dei Carabinieri del Nas di Reggio Calabria, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, denominata “Johnny”. È stato notificato un avviso di garanzia nei confronti di 49 dipendenti dell’Azienda Ospedaliera Provinciale di Reggio Calabria con l’accusa di truffa aggravata e falsità materiale.

In base a quanto emerso nel corso delle indagini, da febbraio a maggio 2018 alcuni membri del personale infermieristico delle strutture ospedaliere di Gioia Tauro, Palmi, Polistena, Oppido Mamertino e Taurianova si sarebbero assentati durante l’orario di servizio per svolgere attività parallele di Assistenza Domiciliare Integrata. In alcuni casi, sarebbero ricorsi a permessi dovuti a motivi familiari, sindacali, per incarichi pubblici o, persino, a congedi per malattia.

In poco più di tre mesi sono 170 le condotte illecite accertate ai danni dell’Azienda Ospedaliera Provinciale di Reggio Calabria.

Riprendono le attività degli ISF in Piemonte
Ministero della Salute: purificatori e sanificatori d'aria non sono dispositivi medici

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde