Anche negli Usa si propone un’agenzia per controllare i prezzi dei farmaci

Stando a quanto rivela la Cnn, i democratici Cory Booker e Bernie Sanders (entrambi interessati a concorrere nel 2020 per le presidenziali) hanno presentato una proposta di legge in questo senso

Negli Usa stanno pensando a un’agenzia per controllare i prezzi dei farmaci. Infatti, stando a quanto rivela la Cnn, i democratici Cory Booker e Bernie Sanders (entrambi interessati a concorrere nel 2020 per le presidenziali) hanno presentato una proposta di legge in questo senso.

Il bureau

Si chiamerebbe ‘Bureau of prescription drug affordability and access il nuovo ente responsabile della determinazione dei prezzi dei medicinali. Un controllo molto severo a quanto pare tanto che lo Stato potrebbe anche annullare la protezione di esclusività dei prodotti (e quindi aprire a forme di genericazione), qualora l’azienda dovesse sforare il tetto previsto.

I dati di R&S

La richiesta di Sanders e Booker prevede un’apertura di cui le aziende non vogliono neanche sentire parlare. In particolare i dati sui costi della ricerca e sviluppo e sulla comparazione a livello internazionale dei listini. Le società si sbottonano poco con gli enti regolatori anche se presentano una gran quantità di informazioni sulle proprie scoperte in fase di negoziazione. Tuttavia il timore delle aziende farmaceutiche è quello che una proposta di questo tipo possa invadere eccessivamente il proprio operato. Per i farmaci già presenti sul mercato con una concorrenza generica limitata, l’agenzia fisserebbe un prezzo intermedio pari a quello medio praticato in altri undici Paesi sviluppati. L’autorità si occuperebbe anche di esaminare se gli aumenti dei prezzi siano superiori al tasso di inflazione.

[continua…]

I contraccettivi ormonali aumentano il rischio di ansia e depressione
Novartis punta a The Medicines Company?

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde