Contratto Enasarco: quando l’Area Manager chiede troppo?

Contratto Enasarco: quando l’Area Manager chiede troppo?

Contratto Enasarco: quando l'Area Manager chiede troppo?

INVIATA DA: Annamaria

IL GIORNO: mercoledì, 24 Gennaio 2024

Buongiorno,

Un paio di quesiti riguardanti lo status di informatrice con contratto Enasarco (ma problematica comune anche con chi ha ccnl):

Può l’area manager sollecitare per iscritto i suoi collaboratori a vedere più medici, ad aumentare media visite, lamentandosi di scarsa copertura (nel contratto non sono menzionate le visite, tantomeno il numero di queste)?

Può l’area manager lamentarsi, sempre per iscritto, delle vendite non in linea con gli obiettivi e chiedere di vendere di più?

Sono questi temi che un legale potrebbe impugnare contro un’Azienda?

Vi ringrazio molto per il supporto,

Annamaria

 

La risposta dell’esperto

Buongiorno e grazie per la domanda.

L’informatore che abbia siglato un contratto di agenzia (Enasarco) è tenuto al rispetto di  alcune norme in quanto lavoratore parasubordinato.

Ciò sta ad indicare che se da un lato vi è autonomia in merito alla gestione dei propri clienti ,dei propri obiettivi ,delle visite ,dall’altro lato vi è il rispetto delle direttive aziendali.

Trattandosi comunque di un contratto all’interno del quale sicuramente non vi è una rigidità nel contattare medici o nell’effettuare visite, la richiesta dell’area manager risulta a tutti gli effetti un abuso in quanto – pur potendo spingere l’informatore a effettuare più vendite così da sviluppare più fatturato – al contempo non può prevedere nessuna sanzione o minaccia di disdetta nel caso in cui lo stesso non sia in grado di adempiere al compito così come prospettato dall’area manager.

Per cui concludo invitando Lei e i Suoi colleghi a segnalare tale anomalia direttamente alla mandante affinché possa intervenire perché un ambiente di lavoro sereno produrrà sicuramente maggiore risultati.

Autore: Avv. Maria Rosaria Pace

Avv. Maria Rosaria Pace

Maria Rosaria Pace si laurea all’Università degli Studi di Salerno con una tesi in diritto penale societario. L’attività legale inizia nel 2010: subito dopo la laurea inizia la collaborazione per apprendere la materia del diritto del lavoro in tutte le sfaccettature. Oltre a vari contributi su Diritto24 de il Sole 24 ore, GIUFFRE', ha scritto il manuale “A tutela degli agenti di commercio”; e' Direttore scientifico della rivista "FARMACI & MANAGEMENT", legale della Confesercenti/Fiarc di Napoli, Relatrice al PHARMEXPO'; ha collaborato con FEDAIISF in qualità di legale degli informatori scientifici del farmaco e attualmente segue altre associazioni di isf.

http://www.avvocatoagentidicommercio.com/

Contratto Chimici e dimissioni: quali sono i tempi e le modalità?
CRM Aziendale: sono un agente, l’AM può entrare nella mia agenda?

Articoli correlati