Contratto Chimici e dimissioni: quali sono i tempi e le modalità?

Contratto Chimici e dimissioni: quali sono i tempi e le modalità?

Contratto dei chimici livello B1: quali sono i tempi e le modalità per la procedura di dimissioni?

INVIATA DA: Federico

IL GIORNO: lunedì, 11 Luglio 2022

Buongiorno,

Sono uno Specialist di una azienda farmaceutica da 17 anni e livello B1.
Vorrei chiedervi, in base al nuovo contratto dei chimici, quali sono i tempi di preavviso che dovrei dare in caso di dimissioni volontarie per cambio di azienda, le scadenze per inviarle e la modalità.

Vi ringrazio in anticipo per la votra risposta ed il supporto che date a noi Informatori

Federico

La risposta dell’esperto

Gentile Federico,

Grazie per questa domanda che ci da lo spunto per parlare delle novità introdotte dal rinnovo del CCNL  Chimico-farmaceutico in vigore dal 1 luglio 2022 al 30 giugno 2025

Principalmente, le novità riguardano la parte economica con aumenti per i vari livelli che verranno attribuiti in cinque tranches (1 luglio 2022, 1 gennaio 2023, 1 luglio 2023, 1 luglio 2024, 1 giugno 2025). Le altre modifiche riguardano il welfare, la parità di genere, la formazione la certificazione delle competenze e l’orario di lavoro – quest’ultimo soprattutto relativamente al nuovo regime di reperibilità.

Per quanto riguarda il periodo di preavviso, dunque, nulla è cambiato e, relativamente al livello B1, il periodo di preavviso  per un’anzianità oltre i 10 anni è pari a 4 mesi che in caso di dimissioni volontarie è ridotto alla metà ossia 2 mesi.

Le dimissioni possono essere presentate all’azienda in qualsiasi giorno del mese ma decorrono il giorno 1 o il 15 dello stesso (a seconda del giorno di presentazione)

Per esempio se lei presenta le dimissioni il 2 del mese di agosto il periodo di preavviso decorrerà dal 16 agosto e terminerà il 15 ottobre. Se lei presenta le dimissioni il 17 agosto il periodo di preavviso decorrerà dal 1 settembre al 31 ottobre.

Si ricordi che ora la lettera dimissioni al datore di lavoro non è sufficiente ma le dimissioni andranno effettuate in modalità telematica.

Come noto il  provvedimento di cui all’art. 26 del  Decreto legislativo n.151/2015  , al fine di contrastare il fenomeno delle “dimissioni in bianco“, prevede che le “dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro“ siano fatte dal lavoratore, a pena di inefficacia, esclusivamente con modalità  telematiche su appositi moduli resi disponibili dal Ministero del Lavoro (sistema informatico SMV attraverso il sito www.lavoro.gov.it) .

La modalità telematica è obbligatoria per tutte le categorie di lavoratori dipendenti del settore privato, anche se permangono alcune eccezioni (ad esempio  quelle durante il periodo di maternità).

La procedura è da utilizzare anche per le dimissioni per raggiungimento dell’età pensionabile.

Qualora non riuscisse da solo ad effettuare la comunicazione può farsi supportare in questa operazione da un CAF.

In bocca al lupo

Autore: Monica Lucci

Monica Lucci

Sono un HR Leader con una ampia esperienza professionale in tutte le aree di competenza della funzione. Prediligo interpretare il mio ruolo come partner per il business, motivare le persone al cambiamento attraverso l'ascolto attivo, la comprensione e la valorizzazione delle idee e delle opinioni altrui. Tra le mie esperienze professionali, svolte in vari settori, una delle aree preponderanti è quella nel farmaceutico, dove sono cresciuta nelle Risorse Umane prima come responsabile selezione, formazione e sviluppo e poi come HR Director.

ENPAF o INPS: quale quota mi conviene versare?
Contratto Enasarco: quando l'Area Manager chiede troppo?

Articoli correlati